Un segno invisibile e mio | Aimee Bender

Sono innamorata dello smettere.
A suo modo è un’arte, se ci pensate. Smettere bene richiede un innato senso della bellezza; bisogna saper sentire il momento della svolta, proprio quando il desiderio fa la sua comparsa, quello è il momento di darci un taglio

La gente si accorge solo di quando te ne vai; se resti non se ne accorgono. È come quando si sente davvero un ronzio continuo solo dopo che ha smesso.

Tutti parlano dello shopping come di una fesseria, ma la sostanza è tutta qui. Si tratta dell’affezionarsi visivamente a un oggetto in modo così profondo che non lo si può più lasciare nel negozio.

[…] c’è qualcosa i tremendo, qualcosa di schifoso, nel guardare una persona innamorata di te che si sforza di credere a quella che tutti e due in fondo sapete che è una mezza bugia.

[Aimee Bender, Un segno invisibile e mio, Miminum Fax 2002]

2 Replies to “Un segno invisibile e mio | Aimee Bender”

  1. la frase sullo “smettere”. l’avevo salvata anch’io in un quaderno azzurro con la copertina rigida. e anche la seconda e la quarta. e altre.

  2. io ho sempre fatto questa cosa delle orecchie basse per tenere il segno delle frasi belle. poi è arrivato internet. (ce ne sono tantissime altre, ma bisogna leggere il libro, bisogna)

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.