Il mondo prima che arrivassi tu | Giulia Blasi

Ecco, se esistesse un mestiere al mondo che mi permettesse di vivere così, ritta sui pedali con i capelli al vento verso un posto dove non esistano altro che i libri in cui scelgo di perdermi, quello sarebbe il mio. Nient’altro mi viene altrettanto bene.

Ridiamo, ridiamo, e ridiamo ancora, perché non sappiamo cos’altro fare: abbiamo detto tutto, non ci rimane che liberarci, prendere la bicicletta e buttarci già senza freni, sempre ridendo: perché questo, davvero, non potremo mai raccontarlo e sarà sempre e solo nostro.
Ci potremo sognare ogni notte, e quando sarà finita e non ci piaceremo più non dovremo dircelo, anche quella fine sarà un segreto che non ci farà soffrire. Scivoleremo via uno dalle dita dell’altra senza dolore, salutandoci da lontano senza rimpianti né rimproveri.

Potrei parlarne ancora, potrei parlarne per ore, di come mi sento. In questo momento, sono come immobile all’interno di una gabbia elettrificata. Al minimo movimento, urto le pareti e la scossa mi lascia tramortita.

So cosa vuol dire essere molto amati da qualcuno che ti è semplicemente capitato in sorte per essere uscito dalla stessa pancia. È fortuna.

[Giulia Blasi, Il mondo prima che arrivassi tu, Mondadori 2010]

2 Replies to “Il mondo prima che arrivassi tu | Giulia Blasi”

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.