come pelle che si rompe.

se ti avvicini ti faccio vedere.
ti faccio vedere che c’è una piccola ferita per ogni volta che ci ho creduto davvero, per ogni volta che ho pensato «dai, secondo me ce la facciamo» e c’è un taglio molto più profondo per quando ho capito che no, non sarebbe successo.

adesso, se ci passi sopra il dito le senti tutte, le cicatrici, senti che la carne è ancora un po’ gonfia.
e mi fanno sempre male quando piove.

però alla fine hanno smesso di sanguinare, hai visto?
e se ci appoggi sopra la tua mano aperta, come in una carezza, quasi quasi non si vedono più.

7 Replies to “come pelle che si rompe.”

  1. (E’ bello e difficile quello che descrivi, Paola. E pare di averlo sentito, e pare di sentirlo, anche a me. E spero anch’io.)

  2. Bellissimo il post. Riesci a fare capire come si sta, a chi ci è stato così… chissà, non ho mai avuto il dono della sintesi in queste cose. Forse è solo, perchè da uomo, quando vivi queste situazioni, sei troppo impegnato a scazzottare col tuo orgoglio, o forse ancora una volta è la capacità femminile, di lasciarti “in mutande” con una frase. complimenti…

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.